Posts Tagged Antonella Beccaria

Uno bianca e trame nere

Qualunque italiano sa di vivere in un paese il cui recente passato è dipinto se non di nero, almeno di un blu scuro: gli “anni di piombo” sono stati un periodo terribile per il nostro paese. Le stragi, sono sempre coperte da un velo impenetrabile di mistero, fatto di depistaggi, false testimonianze, servizi segreti, errori più o meno voluti, etc.

La vicenda della Uno bianca, la banda costituita dai fratelli Savi, che tra la fine degli anni 80 e l’inizio dei 90, in un arco di 7 anni, sconvolge l’area bolognese, rientra perfettamente nell’Italia delle trame nere.

È una vicenda che già di per sé risulta difficile capire: come si può infatti comprendere, con la logica, l’uccisione di così tante persone e il terrore che si diffonde in quegli anni? In più, la Uno bianca, sembra calzare a pennello tra i misteri d’Italia e contribuisce a diffonderne l’aurea di impenetrabilità.

Nel bellissimo libro “Uno bianca e trame nere”, Antonella Beccaria, riprende in mano tutti gli avvenimenti di quegli anni e non solo e cerca di capirne le ragioni profonde, non dimenticando in che Italia vivevamo (viviamo?) e che proprio in quegli anni si scopre Gladio.


unobiancaetramenere

I fatti legati alla Uno bianca, per anni non sono stati collegati tra di loro come era naturale che fosse e le indagini sono sempre state confusionarie e deviate. Alla fine si è arrivati alla cattura dei fratelli Savi e di altri 3 componenti della banda, ma quasi anestetizzati dal fatto di aver eliminato il motivo principale del terrore che aveva attanagliato l’Emilia Romagna e dintorni, il tutto è filato via senza che nessuno approfondisse il perché dei depistaggi o si cercasse gli autori degli stessi; come se questo fosse causa di ancor più terrore per alcuni.

Il libro di Antonella Beccaria è indispensabile per capire quella vicenda perché dettaglia i fatti, li descrive in modo approfondito, senza mai devianze o senza mai cadere nella dietrologia, semplicemente facendo quello che ogni buon giornalista dovrebbe fare: chiedersi il perché delle cose, di tutte le cose. E se il “perché” te lo dice qualcuno, usare la logica e i fatti, per verificarne la veridicità. Semplice, ma efficace.

,

No Comments