Archive for July, 2009

Iran, ci sei?

Poco più di un anno fa, tornavamo da uno splendido viaggio in Iran.

La situazione era tranquilla, si stava bene; la gente era visibilmente scontenta di Ahmadinejad,
ma lo diceva solo in privato, un po’ rassegnata (”in fondo anche voi avete Berlusconi, no?”,
ci ha detto qualcuno :-) ).

Ora sembra che i giovani si siano particolarmente stufati dell’ennesima prova di forza del
governo e non ci ha visto più. Le notizie sono frammentarie e non si capisce bene cosa
sia vero e cosa non lo sia.

I contatti con gli amici che ci siamo fatti nel viaggio, sono preclusi: a quanto pare internet
non funziona più. Che fare per dare il proprio supporto agli amici che sicuramente
staranno vivendo una situazione difficile?

1 Comment

Ristrutturare casa con software libero

Mi ritrovo in questo periodo a dover ristrutturare in parte casa, che ha ormai i suoi quarant’anni
e quindi certe cose non si possono più procrastinare.

Ho provato a cercare di utilizzare un software per definire un progetto di massima, che possa
coinvolgere anche lo spostamento di qualche muro e/o la disposizione dei mobili, magari con il rendering
di come verrebbe finito.

Ho giocato un po’ con blender, per il quale ho trovato
anche dei fantastici tutorial di un pazzoide
che si è disegnato completamente la casa e poi l’ha anche realizzata. A vedere i video, la cosa
fa impressione.

Blender è fantastico, molto potente, il massimo che si possa avere. Non è certo facile da utilizzare
e ha una curva di apprendimento piuttosto difficile da scalare.

Per chi come me, aveva bisogno di qualcosa di molto più semplice, c’è il divertente
Sweet Home 3D, scritto in Java (si può
provare anche via web). Non fa cose straordinarie, ha notevoli limiti, in primis non gestisce
case da più piani (e non è il mio caso)*. Ma è usabile da subito, da una visione 3D del
tutto e permette di fare un rendering del risultato finale, senza tanti fronzoli.

Lo definirei estremamente divertente :-) .

* Si noti nella frase in questione, il trittico “cose”, “case”, “caso”.
Sono sempre andato male in italiano.

1 Comment